Divertimento

'Star Wars: The Rise of Skywalker': Ruined by Disney’s Steadfast 20 dicembre 2019, data di uscita secondo il redattore di lunga data di J. J. Abrams

L'attesissimo finale del Guerre stellari La trilogia del sequel è arrivata nei cinema il 20 dicembre 2019, ma non era tutto ciò che gli spettatori volevano. Star Wars: The Rise of Skywalker ha ricevuto recensioni scadenti dalla critica e non ha fatto molto meglio con i fan. La montatrice Maryann Brandon ammette che la rigida data di uscita fissata dalla Disney ha affrettato la produzione del film.

J. J. Abrams, Maryann Brandon e MaryJo Markey

I redattori Maryann Brandon (L) e Mary Jo Markey con il regista J.J. Abrams | Amanda Edwards / WireImage

Come si è confrontato 'Rise of Skywalker' con gli altri film della trilogia?

' Star Wars: The Rise of Skywalker soffre di una frustrante mancanza di immaginazione, ma conclude questa amata saga con devozione incentrata sui fan ”, secondo i critici di Rotten Tomatoes.



Ha ricevuto un punteggio complessivo del 54% dalla critica e un punteggio del pubblico dell'86% Pomodori marci . La maggior parte dei fan ha lasciato il cinema con un senso di completezza, ma ci sono ancora molte lamentele sul film da entrambe le parti.

Visualizza questo post su Instagram

Niente può prepararti alla fine. Guarda #StarWars: #TheRiseOfSkywalker ora nelle sale! Acquista i biglietti: (link in bio)

quanto vale il patrimonio netto di patrick mahomes?

Un post condiviso da Guerre stellari (@starwars) il 27 dicembre 2019 alle 9:00 PST

In alternativa, il secondo film della trilogia sequel, Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017), ha ricevuto un punteggio del 91% dalla critica, ma solo il 43% dal pubblico.

Star Wars: The Force Awakens (2015) ha ottenuto il meglio dalle tre parti della trilogia con un 93% dalla critica e l'86% dal pubblico.

Utenti su IMDb dare Ascesa di Skywalker un punteggio di 6,9 su 10, mentre Gli ultimi Jedi era solo leggermente superiore con un punteggio di 7 su 10. Il primo film del prequel, Il risveglio della forza , ancora una volta valutato più alto con un 7,9 su 10.

Perché l'editore di 'The Rise of Skywalker' ritiene che la Disney abbia rovinato il film?

Maryann Brandon ha parlato nel podcast di The Rough Cut riguardo alla frettolosa produzione del film. Brandon ha lavorato con il regista J. J. Abrams nella serie televisiva, Alias , così come i film Mission: Impossible III , Star Trek , e Star Wars: The Force Awakens . I due si conoscono bene, quindi è una sorpresa che un altro film su cui hanno lavorato insieme abbia ricevuto recensioni negative.

L'ascesa di Skywalker la troupe aveva tre mesi in meno per lavorare al nuovo film rispetto a quelli che avevano per Il risveglio della forza , secondo le stime di Brandon. La Disney ha fissato la data di uscita del 20 dicembre 2019 ed era rigida sul fatto che non potesse cambiare.

Visualizza questo post su Instagram

La saga giunge al termine. #StarWars: #TheRiseOfSkywalker è ora in programmazione nelle sale! Acquista i biglietti: (link in bio)

quanto guadagna pat mcafee?

Un post condiviso da Guerre stellari (@starwars) il 1 gennaio 2020 alle 8:59 PST

'Stavamo ancora cercando di capire un sacco di cose', ha detto Brandon durante il podcast. 'È una lotta. Ha influenzato tutto. Circa un terzo del percorso, [il presidente della Lucasfilm] Kathy [Kennedy] ha detto, 'JJ deve passare più tempo in sala montaggio.' E sapevo che non sarebbe successo. Non con il programma in cui eravamo. Non con quello che aveva a che fare quotidianamente. Alla fine della giornata era solo esausto. '

Con la data non in grado di cambiare, il montatore e il regista sono andati avanti e hanno fatto del loro meglio. Tuttavia, tre mesi in più di riprese, regia e montaggio potrebbero aver creato un film completamente diverso.

Secondo l'editore, che cosa dovrebbero sentire i fan e i critici riguardo al film?

'In un momento in cui il mondo intero è polarizzato, non dovrebbe essere un film che si sta polarizzando', ha commentato Brandon. 'Fondamentalmente, il messaggio del film è: 'Ehi, sai una cosa? Puoi essere cattivo e il buono può entrare nella tua vita. E forse se hai una mentalità aperta, cose straordinarie possono farti cambiare idea. E devi credere che c'è sempre speranza. ''

Sebbene gli spettatori vedano quel messaggio ora, non è del tutto evidente guardando il film.

'Guarda, certo, è un servizio di fan', ha aggiunto anche l'editore, '[ma] se non hai servito i fan, sarebbe, 'Oh, non è andato d'accordo con la storia di Guerre stellari e cosa significa tutto questo. ''

Visualizza questo post su Instagram

Mille generazioni vivono in te adesso. Guarda #StarWars: #TheRiseOfSkywalker ora nelle sale! Acquista i biglietti: (link in bio)

Un post condiviso da Guerre stellari (@starwars) il 2 gennaio 2020 alle 9:00 PST

È rassicurante sentire il commento dell'editor che i fan dei servizi cinematografici sono quelli che si lamentano della maggior parte delle lamentele. Ora, sappiamo che l'hanno fatto apposta e quale dovrebbe essere il messaggio più importante.

Se solo la Disney avesse potuto concedere al regista altri tre mesi, i critici e i fan potrebbero essere d'accordo sul film. Puoi vedere Star Wars: The Rise of Skywalker nelle sale di tutto il mondo, adesso.