Giocatori

Guerrieri senza tre titolari: Steph, Green e Wiggins battono i Pelicans

Dopo aver conquistato il play-in, non c'era molta pressione per i Warriors nella partita di stasera contro i New Orleans Pelicans.

Questo gioco non ha avuto molto impatto sulla classifica della Western Conference.

Ma la partita contro i Memphis Grizzlies decide la testa di serie numero 8 di domenica al Chase Center.



Quindi i Warriors non avevano molta pressione per vincere la partita contro i Pelicans.

Ma i Warriors sono entrati in campo senza tre dei loro principali titolari.

Secondo la fonte, Stephen Curry, Draymond Green, e Andrew Wiggins sono fuori contro i Pelicans per farli riposare.

Quindi i Warriors sono entrati in campo con Jordan Poole, Nico Mannion e Mychal Mulder nella rotazione con Jordan Bell che ha giocato per la prima volta in questa stagione dopo aver firmato con i Warriors.

Nonostante senza i titolari principali, i Warriors hanno comunque sconfitto i New Orleans Pelicans 125-122 regalando loro la quinta vittoria consecutiva.

I Warriors sono passati in vantaggio nel primo tempo portando alla vittoria nell'ultimo quarto.

Un forte inizio da parte dei Warriors.

Kevon Looney ha iniziato il quarto con un layup ei Pelicans hanno risposto con una tripla di Nickeil Alexander-Walker.

E Mychal Mulder ha messo a segno una tripla riportandosi subito in vantaggio.

Willy Hernangomez ha poi lasciato cadere un jumper su Looney che lo proteggeva per legare la partita un minuto dopo l'inizio della partita.

Entrambi sono andati in parità 8-8 con 9:25 rimanenti nel quarto.

Poi i Warriors Jordan Poole vanno a canestro per fare una schiacciata.

Successivamente, i Warriors hanno preso quattro punti per condurre sui Pelicans. Mulder ha poi lasciato cadere una tripla per aumentare il vantaggio.

I Warriors hanno continuato la loro corsa per 9-0 fino alle 7:12 prima che Eric Bledsoe lasciasse cadere un jumper per segnare per i Pelicans.

Il passaggio di Juan Toscano-Anderson a Jordan Poole per il secchio ha dato ai Warriors un vantaggio di 9 punti a metà del quarto.

Erano 15-19 entrando nella seconda metà del primo quarto.

Presto i Warriors hanno segnato cinque punti mentre i Pelicans hanno segnato quattro punti durante quel periodo a 5:05 dalla fine del quarto.

Kevon Looney ha poi aggiunto un punteggio con un layup che ha portato il vantaggio a sette punti.

Eric Bledsoe ha poi risposto subito con un jumper da dentro una linea di tiro libero.

Al che Poole ha risposto con una tripla.

Eric Bledsoe e Hernangomez bucket hanno tagliato il vantaggio a meno di sei punti.

Il layup di Hernangomez subito dopo ha ridotto il vantaggio a quattro punti con tre e mezzo da giocare.

I Warriors hanno comunque continuato il loro tiro caldo, con Poole che ha segnato una tripla.

E Nico Manion ha lasciato cadere una tripla subito dopo, dando 10 punti di vantaggio a circa un minuto e mezzo dalla fine della partita.

Mulder ha poi messo a segno un'altra tripla per i Warriors portando la partita sul 28-41.

Il quarto si è concluso con secchiate back-to-back dei Pelicans che hanno tagliato il vantaggio 32-41 negli ultimi secondi del quarto.

I 41 punti di Golden State nel quarto sono stati il ​​massimo stagionale e il sesto quarto di 40 punti della squadra in totale.

Non abbiamo provato affatto nel primo tempo, ha detto l'allenatore dei Pelicans Stan Van Gundy. Non ci abbiamo provato, non ci siamo concentrati, non abbiamo fatto alcuno sforzo.

I Warriors hanno continuato a dominare nel secondo quarto.

Nico ha iniziato il secondo quarto con una tripla che ha allungato il vantaggio di 12 punti a 30 secondi dall'inizio del quarto.

I Pelicans hanno mostrato un grande movimento di palla, dando la palla a Didi Louzada per una tripla per rispondere ai Warriors.

Nico ha poi disegnato un fallo, segnando un layup sul passaggio di Jordan Bell per il terzino destro dei Warriors.

La schiacciata di Mulder dal vicolo di Nico ha dato un altro secchio per i Warriors.

Entrambe le squadre sono andate a segno avanti e indietro con i Warriors con 11 punti di vantaggio 2:41 da giocare nel quarto.

Poole ha segnato un altro secchio per i Warriors, estendendo il vantaggio a 13 punti.

James Johnson ha poi risposto con un layup dall'altra parte.

Kent Bazemore ha poi colpito un jumper in seguito.

Questo ha portato i Warriors sul 53-68 a meno di due minuti dalla fine.

La combo di Poole e Bazemore ha dato un altro secchio ai Warriors.

Allo stesso modo, il passaggio di Poole a Mulder dietro la linea dei tre punti ha dato un altro secchio, chiudendo il quarto 75-57 con i Warriors con 18 punti di vantaggio.

I Pelicans tornano dopo l'intervallo.

All'inizio del terzo quarto, i Pelicans erano dietro di 18 punti, ma comunque i Pelicans hanno continuato a reagire segnando una tripla all'inizio del quarto.

Naji Marshall ha poi disegnato un fallo andando contro il cerchio dando un altro secchio al Pelican tagliando il vantaggio a 13 punti.

Bazemore poi ha rubato la palla ai Pelicans dando un secchio ai Warriors con Mulder che ha segnato un layup.

James è caduto dopo aver afferrato il rimbalzo e i Pelicans hanno chiamato per il timeout.

I Warriors, ancora a 14 punti, sono in vantaggio sui Pelicans a metà del terzo quarto.

Erano 75-91 con 3:09 rimanenti da giocare nel quarto.

Walker ha poi segnato un layup per i Pelicans a cui Tuscano-Anderson ha risposto con una schiacciata su Nico Mannion alle spalle.

Wenyen Gabriel ha segnato una tripla per portare la partita a otto punti a meno di un minuto dalla fine.

Hanno quindi tagliato di nuovo il vantaggio entro sei punti a 13,8 secondi dalla fine del cronometro.

Ma i Warriors hanno concluso il quarto con una tripla negli ultimi secondi, portandoli in vantaggio di nove punti nel quarto periodo.

Tutto il trambusto nel quarto.

I Pelicans hanno iniziato a crescere dopo essere arrivati ​​a meno di sei punti nel terzo mentre i Warriors stavano cercando di mantenere il vantaggio sui Pelicans dopo aver perso il vantaggio a doppia cifra.

Bell ha preso il rimbalzo e ha passato a Mulder una tripla aprendo il quarto periodo per i Warriors.

Mannion ha poi passato ad Alen Smailagic per una tripla per dare ai Warriors un altro secchio di fila portando il vantaggio a 12 punti.

Jaxon Hayes ha poi segnato un jumper per i Pelicans.

Erano 101-110 con le 8:52 rimaste sull'orologio.

Mulder ha poi segnato un layup mentre Hayes ha preso un fallo segnando un secchio dall'altra parte.

Poole ha segnato una tripla subito dopo.

I Pelicans seguivano ancora i Warriors a metà del quarto. Poole ha segnato un jumper con il tifo dei Warriors in sottofondo, mentre perdeva i suoi punti più alti in carriera.

Il vantaggio si è poi ridotto a 8 punti con circa cinque minuti dalla fine.

Mannion è stato bloccato sul cerchio e Poole ha perso la palla subito dopo che ha dato ai Pelicans la possibilità di riscattarsi

Hayes ha colto l'occasione ma ha sbagliato, ma Wenyen Gabriel ha lasciato cadere il secchio sul suo errore portando la partita a quattro punti a tre minuti e mezzo dalla fine.

I Warriors hanno commesso un altro errore con Bazemore che ha mancato il layup dando un altro secchio ai Pelicans mentre Naji Marshall ha segnato dall'altra parte.

Il gioco è arrivato a 117-119 con 2:15 sul cronometro.

Nickeil ha finalmente dato ai Pelicans il comando della partita con una tripla su passaggio di Kira Lewis Jr..

Ma Paschall ha fatto una soffiata sull'errore di Mannion a 33,1 secondi dalla fine del quarto.

Nickeil ha subito preso la palla guidando dall'altra parte, ma è stato bloccato da Bell al primo tentativo, ma ha segnato subito indietro per riportare il vantaggio.

Poole ha poi segnato un layup su Mannion passando in vantaggio per i Warriors.

Walker ha provato a far cadere il secchio ma è caduto corto e Bazemore ha catturato la palla che passa a Paschall prima che uscisse dal campo con la palla che la teneva in vita con 2,4 secondi dalla fine del gioco.

Poi Poole ha perso i suoi ultimi due tiri liberi dando ai Warriors un vantaggio di tre punti sui Pelicans.

Una grande serata per i giovani dei Warriors.

Il gioco ha segnato il terzo match tra Warriors e Pelicans nelle ultime due settimane, ma questo ha assunto un aspetto diverso con i migliori giocatori di entrambe le squadre che si sono seduti fuori.

Con i Pelicans eliminati dalla contesa postseason, i Pelicans sedettero Zion Williamson, Lonzo Ball, Brandon Ingram e Steven Adams per consentire ai loro giocatori più giovani di crescere.

E i Warriors riposano i titolari principali: Stephen Curry, Draymond Green, e Andrew Wiggings per la resa dei conti di domenica con i Memphis Grizzlies che determina gli otto classificati nella Western Conference.

Di conseguenza, i Warriors avrebbero bisogno di una sola vittoria per ottenere un posto per giocare nei playoff NBA se sconfiggono i Grizzlies.

La partita di stasera senza titolare ha permesso a diversi giocatori dei Warriors di giocare i tempi supplementari.

Ne hanno approfittato al massimo e alcuni hanno persino raggiunto i massimi in carriera.

Tra questi giocatori c'era il duo di difesa formato da Jordan Poole e Mychal Mulder.

Come entrambi, il duo ha segnato i loro punti più alti in carriera.

Poole ha guidato i Warriors, segnando il record in carriera di 38 punti e tirando 12 su 22 nella sua prima prestazione in carriera da 30 punti e nella terza partita consecutiva con più di 20 punti.

Questo anche dopo che Poole è zoppicato negli spogliatoi a 9:52 dalla fine del terzo quarto, ma è tornato dopo aver avvolto il ghiaccio intorno alla caviglia.

Ha poi chiuso con i migliori punti in carriera insieme a 4 rimbalzi e 6 assist.

È tornato in fiamme, Golden State's Mychal Mulder ha detto di Poole che gioca su una caviglia tenera. Penso che parli solo della sua tenacia, del suo carattere e della sua voglia di vincere. È qualcosa che ha ed è impressionante.

Anche Coach Kerr sembrava stupito dopo il suo ritorno dall'infortunio.

Sei sempre terrorizzato quando qualcuno cade con una caviglia rotolata perché semplicemente non sai quanto sia grave, ma fortunatamente non è stato così male, ha detto l'allenatore Steve Kerr. Sono rimasto davvero sorpreso quando è tornato in gioco.

Non solo Jordan Poole, ma anche tutti gli altri giocatori hanno brillato con le loro giocate.

Lo stesso Mychal Mulder ha segnato un nuovo record in carriera, segnando 28 punti, 2 rimbalzi e un assist.

Allo stesso modo, Kent Bazemore ha perso 14 punti con 4 rimbalzi e con il salvataggio della palla che ha dato la vittoria ai Warriors.

Nico Mannion invece ha perso 11 punti, 8 rimbalzi e 7 assist.

Ha registrato rimbalzi e assist da record in carriera in 32 minuti dalla panchina.

Eric Paschall ha guidato la panchina dei Warriors, segnando 12 punti dopo essere tornato dall'infortunio saltando le ultime 20 partite.

Juan Toscano-Anderson ha perso 9 assist, il record in carriera, insieme a 9 punti e 9 rimbalzi.

Nel frattempo, Jordan Bell ha fatto la sua prima apparizione come Warrior dal 10 giugno 2019, gara 5 delle finali NBA, dopo aver firmato con i Warriors giovedì.

Ha chiuso con cinque rimbalzi, due assist e due muri in 15 minuti dalla panchina.

D'altra parte, alcuni dei giocatori dei Pelicans hanno brillato anche senza i loro giocatori chiave.

Nickeil Alexander-Walker ha perso 30 punti in testa ai Pelicans dopo aver raccolto lo slancio mentre la partita andava avanti.

Ha chiuso con 5 rimbalzi e 4 assist.

Allo stesso modo, Naji Marshall ha perso 20 punti con 13 rimbalzi, una doppia doppia e 3 assist.

Willy Hernangomez ha segnato 10 punti insieme a 9 rimbalzi.

Eric Bledsoe ha realizzato 11 punti con un rimbalzo e 4 assist giocando 16 minuti.

Jaxon Hayes ha guidato la panchina segnando 19 punti e 8 rimbalzi mentre Wenyen Gabriel ha perso 14 punti con 6 rimbalzi e 2 assist provenienti dalla panchina.

I Pelicans ospitano i Lakers domenica sera mentre i Warriors ospitano i Grizzlies domenica pomeriggio con il seeding in palio.